Genesi di un tumore - Parte 4

Clicca qui per leggere la terza parte

Una delle piu' importanti protezioni della cellula dalla trasformazione neoplastica è rappresentata dai telomeri.

Essi sono delle sequenze di DNA che si trovano nelleestremità dei cromosomi; ad ogni divisione cellulare i telomeri si accorciano e quandoraggiungono una certa dimensione ( - 6 Kb), le cellule cui appartengono vanno verso l'apoptosi (morte cellulare); questo fenomeno viene chiamato "senescenza replicativa".

Visita la sezione dedicata ai prodotti

Ci sono alcuni tipi di cellule nel nostro corpo, tra cui le cellule tumorali, che possiedono unenzima chiamato "telomerasi" che dopo una divisione cellulare, riallunga i telomeri dellacellula stessa, conferendo ad essa una cossiddetta immortalità.

Le cellule "immortali" del nostro corpo sono le germinali, le staminali, i linfociti T dellamemoria e appunto le cellule tumorali.

Un altra grande differenza tra le cellule normali e le cellule tumorali è la loro proliferazione;mentre la proliferazione delle cellule normali, è influenzata dai fattori di crescita dell'ambiente circostante, questo non avviene nelle cellule tumorali, perchè sonoindipendenti dai segnali esterni.

Visita la sezione dedicata ai prodotti

Come abbiamo visto in precedenza, nelle cellule normali c'è una serie di geni che codificano fattori di crescita come il TGF-B (trasforming Growth Factor beta), enzimiinibitori come il p15, il pRB, fattori di trascrizione come la famiglia E2F; tutti insiemeregolano la corretta divisione cellulare.

Nelle cellule cancerogene troviamo geni mutati che producono recettori anomali o fattoridi inibizione inerti, che non controllano piu' la divisione cellulare con conseguenteaccrescimento continuo della massa tumorale.

Alcuni fattori di crescita sono inoltre importanti per sopprimere l'eccesso delle cellule infiammatorie, che sappiamo essere uno dei meccanismi di difesa del nostro corpo, quindi se le cellule tumorali producono troppi fattori di crescita, viene meno la difesa nei tessuti (questo succede soprattutto negli stadi avanzati).

Visita la sezione dedicata ai prodotti

Molti studi hanno dimostrato uno stretto rapporto tra i livelli elevati di estrogeni nelsangue e il tumore della mammella, anche se l'associazione è stata riscontrata nelledonne in menopausa o postmenopausa; un altro fattore di rischio per il cancro al senoè un alto livello di androgeni perchè vengono convertiti in estrogeni dalla aromatasi.

E' stato notato che nei tumori maligni un enzima noto come HER2/neu porta all'autofosforilazione del recettore di questo enzima ottenendo una costante autoattivazione, inoltre in queste situazioni abbiamo di solito nello stesso tempo, mutatoil gene di soppressione tumorale.

Avremo quindi PTEN, pRB e p53 ovvero i geni soppressori, che non fanno il loro compitoe la crescita tumorale diventa inarrestabile.

Un'altra caratteristica dei tumori è la loro capacità di generare vasi sanguigni propri(angiogenesi).

Visita la sezione dedicata ai prodotti

All'inizio il tumore è sferoidale (1-3 mm) poi liberando fattori di crescitaendoteliali vascolari (VEGF1 e 2) e nello stesso tempo venendo prodotti dei fattori cheinibiscono le proteine antiangiogenetiche, riescono a sviluppare i primi capillari che siagganciano al sistema vascolare del corpo.

Il sistema vascolare di un tumore pero' è anomalo perchè troveremo vasi tortuosi, capillari senza membrana basale, ci sono aneurismi; queste strutture anomale e pocostrutturate creano un ambiente con un alta tensione interstiziale che non garantisce unadeguato apporto di sangue; forse è proprio per questo che la chemioterapia non ha lamassima efficacia.

Si crea cosi' una massa tumorale acida e ipossica, con un metabolismo prettamenteglicolitico (ovvero il nutriente principale è il glucosio).

Visita la sezione dedicata ai prodotti