Cura di un tumore

Parte 1

Tornando all'esempio della citta' malata, diciamo che per guarirla, e' necessariaun'azione decisa da parte delle forze dell'ordine (corrispondente all'azione del nostrosistema immunitario) ma ci deve essere anche una cooperazione di tutte le forze civili,quindi croce rossa, protezione civile, vigili del fuoco, ecc.

( questa cooperazione nel nostrocorpo corrisponde al corretto funzionamento degli organi, del sistema nervoso centrale eperiferico, delle ghiandole endocrine, del corretto ricambo cellulare, ecc.).

Visita la sezione dedicata ai prodotti

Quando usiamo armi chimiche (nel nostro caso il chemioterapico), la maggior parte dei casi vede lo sterminio di chi conduce una vita fuori controllo ma purtroppo i danni si estendono anche a chi vive intorno, indebolendo cosi' anche le forze civili e non ultime leforze dell'ordine; per questo e' importante proteggere le forze civili e la popolazione (in questo caso le cellule vicine a quelle tumorali).

Questa protezione viene fornita ad es.

da Avemar e da Colostro Noni; mentre le forzedell'ordine (il sistema immunitario), possono essere aiutate da Biobran MGN-3.

Una terapia da associare assolutamente e' quella che elimina le tossine dal corpo; questobeneficio si otterrebbe con Depuressiac o specifici prodotti omeopatici.

Quest'ultima terapia comunque e' da farsi dopo un'eventuale chemioterapia e per preparareil corpo alle terapie successive ed inoltre per liberarlo dai "detriti" derivanti dalla lotta contro le cellule tumorali e non ultimo garantire un miglior funzionamento dei processibiologici naturali del corpo perche' i "detriti" ovvero le tossine, sono di intralcio ai delicatiequilibri funzionali che il nostro corpo cerca in tutti i modi di mantenere.

Un altro aspetto importante da considerare e' garantire il buon funzinamento e il mantenimento del dialogo biologico delle ghiandole endocrine; funzionamento e dialogoche vengono alterati quando il corpo si trova a lottare contro un tumore.

La diagnosi di un tumore crea sempre un momento psicologico difficile, pero' nondimentichiamoci che questa malattia va analizzata nel suo insieme, con personalesanitario specializzato e non perche' la cooperazione e' sempre stata vincente in tuttii campi.

Clicca qui per leggere la seconda parte

oppure Visita la sezione dedicata ai prodotti